Il 2016 del palazzetto del nuoto alla riscoperta del fitness in acqua

Il 2016 del palazzetto del nuoto di Arezzo sarà orientato alla riscoperta del fitness in acqua. Saranno ben undici, infatti, le discipline ginniche proposte all’interno della piscina, con un importante processo di rinnovamento del settore che è coordinato dalla nuova cooperativa Aretina Servizi. Il programma delle varie attività è strutturato per affiancare sport e divertimento e, variando la tipologia di allenamento, si rivolge a uomini e donne di tutte le età con tante proposte diversificate che, unendo le caratteristiche dell’ambiente acquatico all’utilizzo degli attrezzi, permettono di allenare ogni parte del corpo, di ritrovare la miglior forma fisica o di integrare la preparazione atletica degli altri sport. La principale distinzione tra una disciplina e l’altra è dovuta all’intensità dell’allenamento. Le attività più soft sono la tradizionale AcquaGym, che si svolge a corpo libero, e la Ginnastica Dolce, adatta per una riabilitazione post-traumatica, mentre sono più dure e faticose le lezioni orientate alla pratica sportiva come Acqua Training, Acqua Triathlon e Hidrobike che prevedono anche l’utilizzo di grandi attrezzi come bike, tapeis roulant e tappeti acquatici. Tra le discipline tradizionali rientra anche l’AcquAlta che, svolgendosi nella vasca grande dove non si tocca, propone esercizi in galleggiamento con l’aiuto delle cinture e di altri piccoli attrezzi. Quattro sono invece le novità inserite in questa stagione che sono andate ad ampliare la ricchezza del fitness acquatico aretino: l’Acqua Circuit (un percorso tra diverse stazioni di lavoro che stimola e coinvolge ogni parte del corpo), l’Acqua Gag (un programma rivolto a gambe, addome e glutei), l’Acqua Fast (un allenamento con esercizi rapidi e ad alta intensità) e la Ginnastica Funzionale (un’attività mirata alle fasce muscolari). Infine c’è la ginnastica per gestanti pre e post partum, con un corso che permette alle mamme di continuare a fare attività fisica in un ambiente privo di traumi e controindicazioni come l’acqua, con esercizi prima per preparare il corpo al parto e successivamente per riabilitare tutte le funzioni del corpo. «Queste undici attività – spiega Marco Magara del palazzetto del nuoto, – vogliono avvicinare il fitness in acqua ai gusti di ogni aretino, andando a costituire una proposta sportiva veramente adatta a tutti».

Condividi l’articolo