Lezioni a distanza con le scuole di Sansepolcro per gli studenti romagnoli

Partono domani le lezioni a distanza che metteranno in grado gli studenti di Bagno di Romagna iscritti alle scuole di Sansepolcro di poter apprendere a distanza dopo la chiusura della E45 a Valsavignone tra Toscana e Romagna e la neve che interessa i passi dove insistono le strade alternative. L’organizzazione delle stesse è stata possibile, spiega il sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini –  attraverso la collaborazione tra il comune romagnolo, l’Istituto scolastico Manara Valgimigli di Bagno di Romagna e i due Istituti Giovagnoli e Buitoni di Sansepolcro nonché l’Auser. Le lezioni si svolgeranno presso l’attuale sede della scuola media nell’aula di informatica, ove ciascuno studente sarà dotato di ipad al quale collegherà le proprie cuffie, seguendo così in diretta su Skype la lezione dei propri professori da Sansepolcro. Domattina, dopo la registrazione di ciascun utente a Skype, le lezioni potranno partire regolarmente. Un volontario Auser sarà addetto alla vigilanza. Gli studenti che prenderanno parte alle lezioni a distanza sono attualmente 12 (4 del Liceo Artistico “Giovagnoli”, 8 dell’Istituto Professionale “Buitoni”, ai quali se ne aggiungeranno la prossima settimana altri 5 dell’Istituto “Fanfani-Camaiti” di Pieve Santo Stefano. Per 9 studenti, che frequentano Istituti professionali e non possono rinunciare ai laboratori, è stata attivata un’accoglienza straordinaria presso i convitti di Sansepolcro convenzionati con gli stessi ad un costo di 155 euro mensili, che sosterrà integralmente il comune di Bagno di Romagna. Per 22 studenti, invece, si è anticipato l’avvio dell’alternanza scuola-lavoro con la durata di un mese, che si svolgerà presso aziende romagnole. “Intanto – dice il sindaco – mi sono anche attivato per riconoscere a tutti gli studenti il costo mensile dell’abbonamento scolastico, partendo dall’ammontare di una mensilità, in attesa di capire come evolve la chiusura della E45 e quindi se si possa tornare ad una situazione di normalità”. 

Condividi l’articolo