teletruria

L’Arezzo Karate conquista i pass per i Campionati Italiani Juniores

Un oro e un bronzo proiettano l’Arezzo Karate ai Campionati Italiani Juniores. La società aretina è riuscita a mettere a segno una bella doppietta, conquistando i pass per l’importante manifestazione nazionale con entrambi i suoi atleti con cui ha combattuto a Firenze nella fase regionale di qualificazione. Accompagnati dal maestro Enrico Pelo, Ilaria Badalotti e Simone Benincasa saranno dunque i due rappresentanti dell’Arezzo Karate in occasione dei prossimi campionati tricolori in programma sabato 28 e domenica 29 novembre al PalaFijkam di Ostia. Il risultato più prestigioso ottenuto nella gara regionale porta la firma di Badalotti, atleta del 1996 che è stata brava nell’ottenere l’oro e, di conseguenza, l’unico posto a disposizione della Toscana nei 61 kg del Kumite (Combattimento). L’aretina ha meritato la qualificazione battendo per 3-1 in finale l’ex campionessa italiana Juniores Daria Pitta del Kodokan Firenze dopo un incontro dominato con grinta e tecnica. Già campionessa d’Italia individuale e a squadre nel 2011, su Badalotti ricadono ora le principali ambizioni dell’Arezzo Karate per riuscire a chiudere il 2015 con una medaglia di valore nazionale. La sorpresa è arrivata da Simone Benincasa che, dopo aver perso l’incontro inaugurale contro Margheri dell’Accademia Karate Shotokan di Sesto Fiorentino, si è successivamente rifatto con un bel cammino che l’ha portato fino al bronzo nei 60 kg. L’atleta, classe 1997, parteciperà per la prima volta al campionato italiano e dovrà dimostrare quei margini di crescita che negli ultimi mesi gli sono valsi le attenzioni da parte dei tecnici delle rappresentative regionali. «Badalotti e Benincasa sono al momento due dei migliori atleti del nostro vivaio – afferma soddisfatto Alessandro Balestini, direttore tecnico dell’Arezzo Karate. – Ora spetterà loro il compito di tenere alto il nome del karate aretino ai campionati Juniores di Ostia, con la consapevolezza e l’orgoglio di dover rappresentare una società che in passato ha già vinto trenta titoli italiani».

Condividi l’articolo

Vedi anche: