Ragazza trovata morta, autopsia esclude morte violenta

Ventenne trovata senza vita sabato scorso in un appartamento di Cesa nel comune di Marciano della Chiana l’autopsia parrebbe escludere la morte violenta e accreditare il decesso per overdose. L’esame è stato effettuato questa mattina da Daniele Piergiovanni dell’equipe di medicina legale di Siena accompagnato dal tossicologo Fabio Centini. Stando a quanto trapela non sarebbero stati rilevati sul corpo della giovane segni di violenza, tutto farebbe pensare dunque, come ipotizzato dai carabinieri che conducono le indagini, ad un’overdose di sostanze stupefacenti e pastiglie. Il tossicologo ha effettuato prelievi di sangue, urine e liquido biliare, materiale che sarà esaminato entro i prossimi sessanta giorni. Intorno al corpo della ragazza, trovato con il solo asciugamano intorno alla vita, i carabinieri hanno rinvenuto tracce di spinelli, due siringhe e una scatola di antidepressivi. Il pm Angela Masiello, a cui è affidata l”inchiesta, indaga al momento per morte in conseguenza di altro reato e cessione di droga. Attualmente sono in corso le ricerche dei due trentenni magrebini che avevano affittato l’appartamento insieme alla ragazza e che sono spariti da sabato scorso. Si tratta di due pregiudicati noti alle forze dell’ordine per spaccio di droga.

Condividi l’articolo

Vedi anche: