Pensare al successo: come si concilia all’interno della coppia

Pensare al successo, significa focalizzarsi su un obbiettivo, realistico, mirurabile e raggiungibile in un momento prestabilito.

Pensare al sucesso è una forma di magia per la mente. Ci permette di proiettarci in un futuro ricco di soddisfazioni, e tutto ciò induce il nostro corpo a sprigionare le famose endorfine positive, alla base della sensazione di piacere. Quindi pensare al sucesso è un attività piacevole per la nostra mente.

Immaginarsi, visualizzarsi in situazioni ideali, aiuta il nostro cervello a predisporre le giuste azioni per raggiungere quella determinata situazione. Naturalmente è importante resettare il campo informativo da dubbi, paure e incertezze, altrimenti la focalizzazione del pensiero positivo rivolto al successo, sarà disturbata da queste interferenze.

Un allenamento molto utile per la nostra mente, per apprendere la capacità di focalizzarsi su scenari ideali è la meditazione. Intesa  appunto come uno stato fisico di rilassatezza, con il corpo libero dalle tensioni, e uno stato mentale di attivazione positiva, in grado di utilizzare al meglio il pensiero creativo, per scendere nei dettagli delle situazioni desiderate.

Pensare al successo in questo caso, è come accendere un faro con una grande luce, che illumina le sezioni dei desideri realizzabili.

L’aspirazione al successo, è totalmente sogettiva, il successo dell’uno non è detto che coincida con il successo dell’altro. In una coppia, dovrebbe esserci una sorta di complicità  che mantiene vivo lincontro dei due egoismi. Avere un compagno o una compagna che aspira al personale successo, dovrebbe accrescere l’interesse del partner, mobilitando una sorta di fiducia e rispetto nei confronti dell’altro.

Nella coppia, come in ogni ambito, la competitività può esssere stimolante fino ad un certo punto, dopo di chè diventa qualcosa di fastidioso e difficile da gestire in quanto aprirà le porte ai risentimenti, ingiustizie, sensi di colpa e malesseri.

La scienza psicologica, nello specifico ambito delle relazioni di coppia, consiglia di abbandonare sciocchi giochi di rivalsa, ma in maniera libera e serena creare la propria zona di sviluppo, autentica e irripetibile, che non può essere oggetto di competizione perchè è un prodotto talmente personale e unico che può portarlo aventi solo il creatore della stessa idea da realizzare.

La coppia dovrebbe essere allenata a pensare al successo insieme. Pensando anche ad un successo comune e condivisibile.

Pensare al successo è qualcosa di prettamente personale e riservato, a proposito del quale, nessuno può dare indicazioni o consigli, l’unica cosa da fare è osservare senza intervenire lasciando il partner libero di sperimentare con le proprie forze la strada del personale successo.

Assaporare questa libertà, non ha prezzo, e chiunque si accorgerà che essere lasciato libero di esprimersi e di mettere le ali alle proprie idee, è unl gesto colmo di rispetto.

Quindi le coppie dovrebbero condividere insieme le attività per pensare al successo, come la meditazione, impostandolo ognuno sul personale registro, e lasciare che ogni tanto questi registri disegnino delle strade che a volte si incrociano ma nella maggioranza dei casi viaggiano in parallelo, nel lugo tempo.

Se qualcuno si lamenta perchè si sente limitato dal proprio/a partner , deve prima di tutto chiedersi quando crede fino in fondo in ciò che pensa come successo. A quel punto sarà più facile evitare i giochi di attribuzione di colpe ingiustificate che possono mettere a rischio storie, per una mancanza di responsabilità e sicurezza in se stessi.

Per pensare al successo ci vuole coraggio, perchè tutto ciò implica delle scelte e degli sforzi. Ognuno di noi deve tendere a vivere la vita che reputa la scelta migliore per se stesso.

Quindi iniziamo con il dedicare giornalmente alcuni minuti al pensiero del successo…

Buon lavoro.

Dott.ssa Elisa Marcheselli

www.elisamarcheselli.it

#TeletruriaGiovani è un nuovo progetto coordinato da Teletruria, nato dalla volontà di dare voce ai giovani. Il team di #TeletruriaGiovani è formato esclusivamente da ragazzi under 40 non giornalisti che, per il gusto di scrivere e per la passione di condividere le loro esperienze, hanno deciso di curare delle rubriche tematiche. I ragazzi sono tutti volontari e scelgono in autonomia i temi su cui scrivere

Condividi l’articolo