Rapina, un arresto

Rapina, ingiuria aggravata dalla discriminazione razziale e mancanza di idonei documenti di identità al seguito. Sono i reati contestati al 36enne albanese fermato ieri dalla polizia dopo un movimentato episodio accaduto in un supermercato di piazza Giotto ad Arezzo. L’uomo, in compagnia di una donna, aveva afferrato dagli scaffali una bottiglia di vino. Una volta alla cassa aveva pagato però solo la merce sistemata nel carrello suscitando l’interesse di un addetto alla sicurezza che ha chiesto al 36enne di mostrare il contenuto della borsa della spesa. Nella confusione la donna che era con lui è riuscita a fuggire.

Condividi l’articolo