Raccolta rifiuti, cresce la differenziata

La regione Toscana ha pubblicato i dati che certificano le percentuali di raccolta differenziata raggiunte per ogni comune. I dati, pubblicati da Arrr (Agenzia regionale recupero risorse) si riferiscono alle raccolte differenziate dell’anno 2017 e rilevano nel territorio dell’Ato Toscana sud (province di Arezzo, Grosseto e Siena e i sei comuni livornesi della Val di Cornia) una percentuale di raccolta differenziata del 39,4% con un aumento di 1,2 punti rispetto al 2016, interrompendo una lunga fase di stagnazione delle performance di raccolta differenziata. In Toscana, nel 2017, sono state prodotte due milioni e duecentoquarantamila tonnellate di rifiuti urbani, con una produzione media pro capite nei comuni dell’Ato Toscana sud pari a circa 608 kg per abitante (599 la media regionale). La percentuale media di raccolta differenziata regionale si attesta sopra al 50% (53,9%) con un trend di crescita di quasi tre punti in percentuale rispetto al 2016.

In provincia di Arezzo, il comune più virtuoso è Civitella Val di Chiana con 69,53%, seguito da Monte San Savino con 65,94%. Confermano performances oltre la media regionale Capolona (57,52%), Castelfranco Piandiscò (59,07%), Lucignano (57,70%), Marciano della Chiana (56,80%), Castiglion Fibocchi (59,85%) e Terranuova Bracciolini (55,75%). Nel 2017 si segnalano balzi in avanti di oltre dieci punti in percentuale a Castiglion Fiorentino (+12,9%), Lucignano (+30,37%), Marciano della Chiana (+31,69%) e Monterchi (+13,9%) Invariata la situazione del comune capoluogo, con Arezzo che registra una lieve flessione positiva del +0.17%.

Condividi l’articolo

Vedi anche: