Padre Gratien e’ ancora in carcere

Padre Gratien Alabi, in carcere ad Arezzo accusato di aver ucciso la casalinga di Ca’ Raffaello Guerrina Piscaglia, e di averne soppresso il cadevere, scrive al ministro della giustizia italiano Orlando. Il parroco congolese evidenzia nella missiva l’ingiustizia che si starebbe compiendo nei suoi confronti “per motivi razziali”: autorizzato a lasciare il carcere di San Benedetto, non può farlo perché non è stato ancora trovato il braccialetto elettronmico che dovrebbe essergli applicato per gli arresti domiciliari in convento.

Condividi l’articolo

Vedi anche: