Carabinieri di Castello in azione

Due 20enni residenti in Alto Tevere, italiani, alcuni giorni fa sono stati fermati dai Carabinieri della Stazione di San Giustino subito dopo aver tentato di asportare numerose bottiglie di liquore all’interno di un supermercato.
Ad allertare i militari era stato il personale dell’esercizio commerciale che aveva notato lo strano comportamento dei due ragazzi che girovagavano tra gli scaffali. Una volta sul posto i Carabinieri hanno fermato e preso in consegna i giovani ed hanno restituito la refurtiva ai legittimi proprietari.
Dai successivi accertamenti è emerso che uno dei due è già ben conosciuto alle Forze dell’Ordine. Nonostante la giovane età infatti è stato più volte denunciato ed arrestato per reati vari, in particolare contro il patrimonio. Circa un anno fa fu tratto in arresto dai Carabinieri dopo aver commesso alcuni furti notturni in danno di attività commerciali di Umbertide. In quella occasione, sottoposto agli arresti domiciliari, evase dopo appena 10 minuti venendo nuovamente arrestato.
Al termine delle formalità di rito il 20enne con precedenti di Polizia è stato arrestato con l’accusa di furto aggravato e tradotto presso la sua abitazione agli arresti domiciliari; il complice, valutato il suo stato di incensuratezza, è stato invece denunciato in stato di libertà. Presso il Tribunale di Perugia è già stata celebrata l’udienza di convalida. L’arresto è stato convalidato; in attesa dell’avvio del processo il Giudice non ha ritenuto di dover applicare misure cautelari personali.

 

COMUNICATO STAMPA

Condividi l’articolo

Vedi anche: