Viaggio tra le meraviglie del sottobosco al Parco delle Foreste Casentinesi

Non basterebbe un’enciclopedia a raccontare tutto quello che c’è da dire sui funghi: sulla smisurata varietà di colori, sulle infinite forme, sulle migliaia di specie in cui si suddividono, sulla loro raccolta, le ricette per mangiarli e, soprattutto, sulla loro funzione nell’ecosistema forestale.  Il corso in programma sabato 23 giugno nella località granducale di Campigna, sul crinale tosco romagnolo, si prefigge di fornire gli elementi essenziali della conoscenza del regno dei funghi, con particolare attenzione al loro ruolo e alle condizioni di sviluppo e fruttificazione. Saranno illustrati, con l’ausilio di diapositive, le caratteristiche dei principali generi. Durante le uscite in natura si potrà avere un riscontro “dal vero” delle specie presenti nel territorio del parco nazionale delle Foreste casentinesi.Dalle 9 alle 10,30 verrà svolta una introduzione alla micologia. Dalle 10, 30 è prevista una uscita in foresta. Ovviamente la raccolta è subordinata al rispetto delle prescrizioni (cestino, pulitura sul posto, limiti alla raccolta ecc). Alle 14 si tornerà in aula (fino alle 15.30) per approfondire i principali generi e le specie tossiche.Il programma dalle 16 alle 18, dal titolo “Raccontare i funghi” è rivolto alle guide ambientali escursionistiche.  Il corso è aperto a tutti fino ad un massimo di 25 partecipanti. Eventuali minorenni dovranno essere accompagnati. È condizione indispensabile uno stato di salute che permetta di partecipare ad escursioni di modesta entità. La quota individuale di partecipazione è di 20€. Per i soci Aigae la quota di partecipazione è di 15 € (quattro crediti formativi).Per partecipare all’escursione micologica è obbligatorio indossare scarponi da trekking e abbigliamento idoneo come specificato nel regolamento. Si consiglia di munirsi di una lente di ingrandimento e di un coltellino, utili per le osservazioni dal vero. Per informazioni e prenotazioni: Stefano Belacchi, tel. 366. 4565228; info@quota900.com. 

 

Comunicato stampa 

 

 

Condividi l’articolo