Sindaci contro Ghinelli: non spetta a lei nominare il nuovo Direttore della Asl

“Le dichiarazioni di Ghinelli, sindaco di Arezzo, a proposito della nomina del prossimo direttore generale dell’Azienda Usl Toscana sud estmi sorprendono e mi rammaricano, perché fanno riferimento a una modalitàdi agire che non è prevista dalla legge e che si manifesta comel’ennesima azione di propaganda in una campagna elettorale costante einfinita”. “I sindaci, infatti, non hanno, giustamente, voce in capitolo nellanomina del direttore generale. E d’altra parte, cosa direbbero i sindaci se il presidente Rossi gli indicasse un nome per la nomina del direttoregenerale del loro Comune? La norma regionale ribadisce il rapporto di estrema fiducia tra il presidente della Regione e il direttore generale della Asl che si devecomunque instaurare nell’ambito di una procedura pubblica specifica chedà ai sindaci della conferenza aziendale il compito di ascoltare ediscutere della proposta della Regione, non certo di rivendicarecandidati alternativi. Ai sindaci, secondo la legge, spetta invece un ruolo fondamentale neldeterminare le politiche sanitarie; i servizi non le cariche.Ed è proprio questo compito che noi rivendichiamo: non vogliamo pesaresui nomi, ma sul livello dei servizi, sui risultati di salute, sullecapacità di intervenire sui determinanti epidemiologici. Tutti insiemedobbiamo avere voce in capitolo su queste scelte, non sui nomi cheandranno a ricoprire cariche.  C’è un’altra cosa che stona: ai sindaci dei capoluoghi spetta il compito di fare sintesi nei confronti dei territori nel loro complesso, Ghinelli prevedendo un ruolo nelle scelte solo per i sindaci di Grosseto e Siena tradisce questo compito e mal rappresenta i sindaci della sua provincia; c’è da sperare che Vivarelli Colonna e De Mossi si comportino in maniera diversa da lui. Per questo invito tutti i miei colleghi sindaci a sedersi attorno a un tavoloper lavorare insieme per il bene comune e smettere di far prevalere lalogica della propaganda su tutto il resto”. 

Condividi l’articolo