Un vino di qualita’: sboccia l’idea del Vermiglio d’Arezzo

Il progetto è abbozzato, le idee sono chiare e l’ambizione è grande. L’asso in bottiglia su cui il territorio scommette è il Vermiglio d’Arezzo: un vino caratterizzato da eleganza, piacevolezza e bevibilità. Il nome suggerito pesca nella storia della letteratura aretina, il “vermiglio” era il rosso citato dal biologo e letterato Francesco Redi nella sua opera in versi “Bacco in Toscana” del 1685.

Condividi l’articolo

Vedi anche: