Scoppio alla Tca, altri due forni sequestrati

Sequestro preventivo per altri due forni di fusione all’interno della Tca di Castelluccio di Capolona (Arezzo), l’azienda  di di circa 100 dipendenti specializzata nel recupero di metalli preziosi dove martedi scorso un’esplosione ha provocato il ferimento in maniera grave di due operai. Lo ha disposto il Pm Andrea Claudiani che indaga per lesioni colpose dopo il ritorno di fiamma che ha investito in pieno un 34enne e un 41enne aretini che stavano lavorando intorno al forno esploso.  Attualmente i due operai sono ricoverati al centro Grandi Ustionati di Cisanello a Pisa, il primo in condizioni gravissime. I due forni sequestrati hanno caratteristiche di costruzione identiche a quello in cui si è verificato l’incidente e sono stati sequestrati per evitare che possano mettere a rischio l’incolumità dei lavoratori fino a che Giovanni Romanini, consulente tecnico nominato dal pm, non avrà terminato la sua perizia ( il tempo scade la prossima settimana) ed abbia accertato le cause dello scoppio.

Condividi l’articolo

Vedi anche: