Ferretti verso la cessione dell’Arezzo: entro sette giorni la verità

Ore 13 – Mauro Ferretti ha terminato da poco la conferenza stampa allo stadio e ha confermato l’esistenza di una trattativa in corso, ben avviata, per la cessione di quote dell’Us Arezzo. Il presidente non ha chiarito se in ballo ci sia il pacchetto di maggioranza, anche se sembra probabile.Svelato anche un retroscena legato a Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, che nelle scorse settimane aveva avuto un interessamento (poi sfumato) per l’Arezzo. Il presidente ha parlato al tavolo della conferenza con il dg Riccioli e il ds Gemmi seduti di fianco a lui. Ecco in sintesi le sue dichiarazioni. “In qualità di finanziatore della società sto soffrendo da un po’, anche perché ho crediti con lo Stato che non riesco a incassare. E la Lega Pro è la categoria più difficile di tutte, che ogni anno richiede almeno due milioni e mezzo di investimenti.Confermo che c’è un gruppo serio intenzionato a darmi una mano. La prossima settimana si dovrebbe concludere la trattativa con un preliminare, anche se, alla luce degli errori del passato, preferisco attendere prima di dare le cose per fatte.Ho chiesto a Riccioli e Gemmi, alla luce di questo, di attendere qualche giorno per le operazioni di mercato e per quelle legate alla scelta dell’allenatore. Non so ancora se cederò la maggioranza o meno, vedremo. Da solo non posso andare avanti, sto cercando un aiuto che potrebbe finalmente arrivare.Se dovesse saltare l’accordo, andremo avanti noi: non è mia intenzione gettare via il bambino con l’acqua sporca. Nell’Arezzo ho investito tempo e soldi, non tutelarlo sarebbe un mio fallimento personale che non posso accettare.Chi sono gli acquirenti? Romani e aretini. Il lavoro dei due direttori attuali, Riccioli e Gemmi, è sotto gli occhi di tutti. Ma ai nuovi, se compreranno, non imporrò nulla. Nelle settimane scorse vi posso dire che c’era stato anche un interessamento della Sampdoria e di Ferrero, poi sfumato.Con il gruppo di compratori attuali, conto di avere risposte definitive, in un senso o nell’altro, entrogiovedì prossimo”.

Condividi l’articolo