Presentazione Libro “Ero Ambientalista” di Aldo Ferretti

La Cooperativa sociale Margherita+ di Arezzo, organizza per Venerdì prossimo, alle ore 18.00 presso i locali del mercato coperto LE LOGGE DEL GRANO, la presentazione del libro del grossetano Aldo FerrettiERO AMBIENTALISTA – Dizionario impertinente sull’ecologia e dintorni”, pubblicato da Europa Edizioni (Roma) all’inizio di questa estate. L’autore incontrerà i lettori ed affronterà i temi del saggio con Marco Sacchetti, Assessore al ciclo dei rifiuti del Comune di Arezzo e con il giornalista Luca Primavera.

Aldo Ferretti (giornalista e consulente molto attivo anche nella provincia di Arezzo) dopo essersi occupato di sviluppo sostenibile in giro per l’Italia e l’Europa, passa nel nostro capoluogo per presentare il proprio saggio sulle derive dell’ambientalismo, evidenziando paradossi, luoghi comuni e contraddizioni di un movimento che sembra aver perso la propria identità. Ormai – è la tesi di Ferretti – in nome dell’ambiente si dice tutto e il contrario di tutto. Ad esempio, è “ambientalista” chi si fa promotore della green economy tentando di incrociare lo sviluppo ambientale e sociale con quello economico, o chi difende i principi di una bucolica decrescita? Chi vede in una pala eolica produzione di energia verde o chi vi snida l’ennesimo sfregio paesaggistico insieme alla morte di ignari volatili? Ma il libro, molto ben documentato e ricco di citazioni storico-scientifiche, spinge questa contrapposizione molto più in avanti: è più ambientalista un cacciatore o un vegano? È più sostenibile la vita di un abitante di New York o di chi vive in un ecovillaggio del North Carolina? Esiste “l’energia rinnovabile”? Le nanoparticelle sono davvero così pericolose? Ed ecco che si scopre che le risposte non sono affatto scontate come potrebbe sembrare. 

Il testo di Ferretti, organizzato come un dizionario, affronta i più svariati aspetti dell’ecologismo in ordine alfabetico e seppur mantenendo il rigore proprio di un saggio, è scritto in maniera pungente e persino ironica, il che facilita molto la comprensione di temi a volte molto complessi e generalmente materia per i soli addetti ai lavori. Nonostante l’autore non risparmi critiche e bordate ai suoi vecchi amici, il volume è stato sin da subito apprezzato proprio dagli ambientalisti, riconoscendo l’onestà intellettuale dell’opera; non è un caso che la prefazione del libro sia di Roberto Della Seta (ex presidente nazionale di Legambiente, senatore e fondatore dei Verdi Europei) e che le principali testate giornalistiche di settore ne abbiano parlato con entusiasmo.

 

Condividi l’articolo