Capuano azzarda e sposa il 4-3-1-2

La svolta di Santarcangelo, non passerà alla storia come quella di Salerno, nonostante i natali dell’allenatore, ma potrebbe rappresentare un clamoroso punto di svolta tattico. Infatti anche nella partitella di Alberoro, Ezio Capuano ha schierato l’Arezzo come è stato visto all’opera nel secondo tempo contro la squadra romagnola. Due punte, Cori e Defendi, un trequartista Tremolada, con il sostegno di tre mediani. Tra questi anche Gambadori che torna a disposizione dopo avere scontato la squalifica. Contro l’Aquila, a meno di clomorose pretattiche, sarà questo l’assetto?

Condividi l’articolo