Arezzo: occhio alla Lucchese. E Fanucchi si ripresenta….

Dopo la sconfitta di Piacenza e il cambio in panchina, l’Arezzo cerca la prima affermazione al Comunale nel derby contro la Lucchese. Le pantere arrivano alla sfida di lunedì con 4 punti in classifica, uno più degli amaranto. Storia e Società. Dal 28 gennaio scorso Andrea Bacci non è più il presidente della Lucchese. Né lui né la Coam (società che faceva capo all’ex patron), che insieme detenevano la maggioranza del capitale sociale, sottoscrissero la ricapitalizzazione societaria. Da allora la Lucchese è guidata dall’amministratore unico Carlo Bini, membro di Lucchese Partecipazioni, il gruppo che detiene ad oggi il 97% delle quote. A completare la società Morno Micheloni, Lucca United (il trust di tifosi, che nell’agosto 2015, ha fatto ufficialmente il suo ingresso all’interno del club) e Città Digitale, tutte con l’1%. Bini, ex arbitro, da oltre vent’anni è responsabile della Cooperativa “Città di Lucca”. In passato è stato consigliere comunale a Lucca di Forza Italia ed è amico fraterno dell’ex presidente del SenatoMarcello Pera, che a luglio ha convinto ad entrare in società, per dare una mano alla causa rossonera. Allenatore. In panchina dallo scorso marzo scorso siede Giovanni Lopez. Ex giocatore con buoni trascorsi da difensore centrale con le maglie di Lazio, Napoli e Vicenza. La stagione scorsa era tornato a Lucca per sostituire Giuseppe Galderisi, esonerato per la mancanza di risultati ed un rapporto che si era logorato con la squadra, la dirigenza e l’ambiente. Romano, classe ’67, è allenatore pratico, molto preparato tattticamente: nel 2016, dopo l’esonero, non si era lasciato bene con l’allora presidente Bacci e col direttore generale Giovanni Galli, che in pratica lo avevano sollevato dall’incarico in conferenza stampa. 

Condividi l’articolo