Delitto del fiume, prelevati campioni di dna

Proseguono le indagini sull’assassinio di Catia dell’Omarino. La 41enne di Sansepolcro è stata trovata senza vita un mese fa sul greto del fiume Afra. La notte precedente l’aveva passata fuori casa, si era incontrata con l’uomo che l’ha colpita alla testa e gettata nel corso d’acqua. Dopo la prima comparazione tra dna andata a vuoto (una decina quelli esclusi) i carabinieri hanno raccolto i campioni di materiale organico di un centinaio di uomini che Catia conosceva e con i quali, la sera dell’assassinio, avrebbe potuto incontrarsi. 

Condividi l’articolo

Vedi anche: