La Chimera Nuoto allo stage internazionale di Dinard

La Chimera Nuoto è stata ospite d’onore allo stage internazionale di nuoto di Dinard. La cittadina del nord della Francia è stata la location di quindici giorni di lezioni intensive tutte dedicate alle innovazioni nell’insegnamento e nella pedagogia del nuoto, per un lungo evento a cui è stato invitato anche il direttore tecnico della società aretina Marco Magara. Lo stage, rivolto agli istruttori di nuoto d’oltralpe, ha rappresentato una preziosa occasione di formazione e di confronto garantita dal coordinamento di Raymond Catteau,  il più celebre studioso al mondo di pedagogia natatoria che, con le sue teorie, ha contribuito ai recenti successi della nazionale francese. Proprio da Catteau è arrivato l’invito alla Chimera Nuoto, con il francese che ha deciso di premiare l’impegno e i risultati raggiunti negli ultimi anni dai giovani atleti della società. L’aretino Magara, tra l’altro, è colui che sta diffondendo nel centro Italia la filosofia di allenamento del “Metodo Catteau”, dunque la partecipazione allo stage di Dinard ha garantito una nuova opportunità formativa che sarà ora riportata nell’insegnamento presso il palazzetto del nuoto di Arezzo. «I grandi successi ottenuti negli ultimi anni dalla Chimera Nuoto – spiega Magara, – sono merito della pedagogia strutturata da Catteau che trova da noi applicazione sia con i più piccoli del nuoto baby che con i più grandi del settore Master. La partecipazione al corso di Dinard ha permesso di vivere un importante confronto con tanti istruttori francesi, maturando ulteriore consapevolezza e nuove conoscenze relative alle più innovative teorie dell’insegnamento del nuoto». Lo stage si è diviso tra lezioni pratiche in piscina e lezioni teoriche in aula, con tutti i presenti che hanno approfondito e messo in pratica gli insegnamenti del “Metodo Catteau”. Questa pedagogia mette al centro le caratteristiche di ogni singolo atleta e si basa esclusivamente su una didattica di tipo attivo fondata sull’esperienza e sulla scoperta guidata, in cui l’istruttore si limita a fornire le nozioni tecniche del nuoto e lascia poi libertà al suo allievo di esprimersi per raggiungere un obiettivo. Ogni atleta si sperimenterà e capirà il movimento più adatto per migliorarsi, imparando a conoscere il proprio corpo ed interiorizzando il gesto più adatto al suo scopo. «Il nostro prossimo obiettivo – aggiunge Magara, – è di organizzare ad Arezzo un seminario di Catteau, per far vivere agli atleti e ai tecnici della Chimera Nuoto l’occasione di allenarsi con uno studioso che sta rivoluzionando il mondo del nuoto».

Condividi l’articolo