Padre Gratien, nuovo interrogatorio

L’avvocato Francesco Zache ha chiesto un nuovo interrogatorio per Padre Gratien Alabi, il frate congolese in carcere dal 23 aprile con l’accusa di omicidio volontario nell’ambito delle indagini sulla sparizione da Ca Raffaello nell’aretino di Guerrina Piscaglia. Il legale pugliese, dopo aver parlato prima con il suo assistito poi con il pm Marco Dioni che conduce l’inchiesta, avrebbe concordato con il magistrato un nuovo interrogatorio per il periodo di fine luglio inizio agosto. Francesco Zacheo non conferma ma questo potrebbe portare ad un cambio di linea difensiva dopo il silenzio totale scelto finora dall’avvocato Luca Fanfani che ha difeso il frate fino ad una settimana fa. Contemporaneamente l’avvocato pugliese sembrerebbe intenzionato a chiedere per Padre Gratien gli arresti domiciliari, richiesta che tuttavia potrebbe essere subordinata proprio ad una strategia difensiva nuova.   

Condividi l’articolo

Vedi anche: