I candidati aretini per Camera e Senato all’uninominale. 20 corrono per Montecitorio e Palazzo Madama

Venerdi ci sarà l’estrazione delle liste. Ma ormai i giochi sono fatti. In attesa dei ricorsi per due liste i concorrenti per Camera e Senato nei collegi di riferimento sono 20: 10 per la Camera dei deputati e 10 per il Senato. Cerchiamo di ricapitolare i candidati dell’uninominale per il collegio di Arezzo. Il Centro Sinistra punta le sue fiches su Marco Donati, deputato uscente del Pd. E’ appoggiato da quattro liste Pd, Più Europa (Bonino e Tabacci), Centristi di Civica Popolare (Lorenzin e Casini)  e Insieme (Socialisti e ambientalisti). Il Centro Destra affida le sue ambizioni a Maurizio D’Ettore, presidente di Forza Italia. Anche lui ha quattro liste (Fi, Lega, Fdi e Noi per l’Italia) che lo sostengono. Lucio Bianchi Sereni torna in prima fila a rappresentare il Movimento Cinque Stelle, dopo l’esperienza da consigliere comunale di Arezzo Per lui il sostegno dei pentastellati, alla pari di Ivano Ferri, ex sindaco di Cavriglia che rappresenta Liberi e Uguali, la coalizione composta da Mdp Art.1, Sinistra Italiana e Possibile. A sinistra ci sono altre tre le liste in lizza: Potere al Popolo che ha l’editore casentinese Mauro Meschini per l’uninominale. L’area è quella del Brancaccio e fa perno su Rifondazione e Comunisti italiani, più movimenti civici. Il Partito Comunista di Marco Rizzo gioca la carta Salvatore Catello, mentre la Sinistra Rivoluzionaria presenta il consigliere comunale di C. Fiorentino Giuseppe Mazzoli del Pcli. A destra altre due le formazioni in competizione. Casa Pound fa l’esordio nelle urne con Silvia Neri in prima fila, risponde l’Italia agli Italiani, l’alleanza tra Fiamma Tricolore e Forza Nuova, che lancia alla Camera Vincenzo Ziccardi. Chiude il conto dei candidati un’altra new entry, il Popolo della Famiglia che alla Camera presenta la senese Annalisa Cappelletti. Stesso schema al Senato. Cambiano ovviamente i candidati. Il socialista Riccardo Nencini, vice ministro infrastrutture corre per il centrosinistra, Tiziana Nisini, leghista e assessore alla casa di Arezzo rappresenta il centrodestra, Donella Bonciani di Bucine ha il sostegno del Movimento Cinque Stelle, mentre Liberi Eguali affida le sue ambizioni a Guido Pasquetti di Sinistra Italiana. Potere al Popolo vede in lizza il senese Ernesto Screpanti, da parte sua il Popolo della Famiglia schiera l’aretino Claudio Ademollo. Per la Sinistra Rivoluzionaria un volto già “storicamente” noto, è quello di Ivana Aglietti, sempre di C. Fiorentino, mentre per il Partito Comunista c’è Marisa Lastella. A destra Casa Pound si affida alla senese Rita Seidita. La Lista Italia agli Italiani invece propone agli elettori Matteo Martini.

Condividi l’articolo