Bibbiena, parcheggio selvaggio, intervento del sindaco

“Non credo nella repressione e nel controllo, sono un uomo ottimista e ho sempre pensato che, davanti alla regola, in un contesto come il nostro, potesse prevalere il buonsenso. Mio malgrado mi devo ricredere. Le macchine che, regolarmente nelle ore notturne, vengono lasciate in Piazza Grande, in barba a tutti, sono la dimostrazione lampante che dal controllo e dalla repressione non si può prescindere”, con queste parole il Sindaco Daniele Bernardini il quale, nelle ultime settimane insieme alla Giunta di Bibbiena, ha deciso di passare all’azione sul fronte di Piazza Grande: controlli più pressanti anche nelle ore notturne e installazione di telecamere per beccare “i furbetti” impenitenti.Il sindaco, però, va oltre: “Dispiace leggere sui social i commenti dei soliti “professori” che invece di stigmatizzare i comportamenti maleducati di coloro che se ne infischiano del prossime e delle regole, dileggiano l’amministrazione per non aver puntato fin da subito su una repressione feroce. E’ allucinante questa logica che in sostanza, premia il più furbo. Logica che, inoltre, colpisce la scelta fatta dall’amministrazione. Dopo il confronto con i commercianti di questa estate, posso dire, senza timore di essere smentito, che quella fatta sul centro storico è stata una giusta scelta, come dimostrato anche dai diretti interessati. Il confronto con gli abitanti ed i commercianti è sempre aperto e produttivo, al contrario di questi atteggiamenti barbari che certamente non ci scoraggeranno e non ci faranno cambiare direzione”. Con questo il Sindaco annuncia ufficialmente non solo i controlli anche nelle ore serali su Piazza Grande, ma anche l’installazione, a brevissimo, di telecamere di controllo.Rimangono i posti auto aggiuntivi a lato della piazza, riattivati dopo la riunione con i commercianti.

Condividi l’articolo