Energicamente, evento conclusivo

Evento conclusivo della rassegna di laboratori teatrali di Energicamente, progetto di educazione all’ambiente e all’energia promosso da Estra, Legambiente e Giunti Progetti educativi.Due gli appuntamenti, entrambi alle 17.30 al teatro Mecenate di Arezzo. Venerdì 5 maggio andranno in scena gli alunni delle scuole primarie Marco Polo di San Giuliano e Aldo Moro di Arezzo e della secondaria Piero della Francesca di Arezzo.Sabato 6 maggio sarà la volta di quelli delle scuole primarie Aldo Ducci di Olmo e Pio Borri di Arezzo e della secondaria Francesco Severi di Arezzo.I laboratori “L’energia del teatro” sono stati organizzati in collaborazione con la Libera Accademia del Teatro e con il patrocinio di Regione Toscana, Comune di Arezzo e Ufficio Scolastico RegionaleSono state coinvolte 6 classi per ogni area territoriale: Arezzo, Siena e Prato. 20 le ore di laboratorio per ciascuna classe che sono iniziate dopo le “lezioni” in classe di LegAmbiente.”La prima attività è stata quella di scrittura dei testi o delle impostazioni mimiche – ricorda Amina Kovacevich, Presidente della Libera Accademia del Teatro. Quindi la messa in scena e lo spettacolo finale che terremo il 5 e il 6 maggio. Tra i temi che sono emersi, soprattutto tra i ragazzi più grandi e cioè quelli delle medie, c’è stata la ‘sfida’, cioè la volontà di osare di più nell’affrontare i temi dell’energia e del suo uso corretto. Gli alunni delle elementari si sono orientati sulla storia dell’energia e sulla connessione  tra energia e sentimento. Quindi l’energia che deriva dall’amicizia e dall’affetto. Particolare attenzione e riconoscimento, infine, alle classi che hanno dimostrato una particolare capacità nell’inclusione di tutti gli alunni nelle attività”.”Ci sono molte forme per comunicare – commenta il Presidente di Estra,Francesco Macrì. E quella teatrale è tra le più interessanti, soprattutto se parliamo di un tema complesso come l’energia. La nostra scelta, nell’ambito di EnergicaMente, è stata di utilizzare più “vettori”: lezioni in classe, dimostrazioni, visite, gioco, laboratori. Tra le molte forme, quella teatrale si è rivelata particolarmente interessante, per l’interesse mostrato dagli studenti e per la professionalità e la passione della Libera Accademia. I laboratori sono stati un primo passo non solo verso una corretta educazione ambientale ed energetica ma anche verso il teatro”.

Condividi l’articolo

Vedi anche: