Falso in prospetto, si va avanti

Ammissione di tutte parti civili e rigetto dell’eccezione di incompetenza per territorio presentata dall’avvocato dell’ex dirigente di Banca Etruria David Canestri che, insieme all’ex presidente Giuseppe Fornasari e all’ex dg Luca Bromchi, è imputato nel filone di inchiesta per falso in prospetto condotto dalla procura di Arezzo. La decisione del Gup del Tribunale di Siena discolato ad Arezzo Ilaria Cornetti è arrivata nel tardo pomeriggio dopo che l’avvocato Luca Fanfani aveva presentato come detto eccezione di incompetenza territoriale motivandola con il fatto che “il reato si consuma all’atto del deposito del prospetto presso Consob e quindi a Roma”. Il giudice Cornetti l’ha rigettata sul presupposto che l’inoltro é telematico e non fisico presso Consob a Roma. L’avvocato ha annunciato che la richiesta, in caso di rinvio a giudizio, sarà ripresentata durante il processo. In precedenza il Gup senese aveva deciso di riprendere il processo laddove si era interrotto per la ricusazione del Gup Fabio Lombardo proseguendo dalla costituzione delle parti. Secondo l’accusa i risparmiatori, al momento della sottoscrizione dei titoli, non sarebbero stati informati correttamente sulla reale situazione dell’istituto di credito. Prossima udienza il 21 giugno, la decisione è prevista per il 12 luglio.

Condividi l’articolo