Lfi polverizzati circa 2 milioni di euro Seri replica alle accuse di Silvia Chiassai

“Polverizzati circa 2 milioni di euro per l’acquisto di obbligazioni della Banca del Monte dei Paschi di Siena. Questo emerge dal bilancio di Lfi”. Ad affermarlo la presidente della provincia di Arezzo Silvia Chiassai Martini. “Lfi spa è una partecipata dalla provincia di Arezzo per il 5,3% delle quote insieme ad altri soci pubblici- afferma Silvia Chiassai Martini – Nel 2008, sono state acquistate da Lfi duemila obbligazioni subordinate di Mps a tasso variabile e con un valore nominale di 1000 euro cadauna. Nel 2017, con il decreto “Salvabanche”, si è permessa la conversione forzosa delle obbligazioni subordinate in azioni Mps. In questo caso la “vittima” è stata anche la società Lfi con capitale pubblico, in quanto tale operazione ha visto l’assegnazione forzosa di 213.213 azioni Mps con un concambio fissato al prezzo di 8,65 euro per un importo di 2 milioni di euro corrispondente al valore delle obbligazioni possedut. Oggi il valore di mercato di quelle azioni è di 1,29 euro che conferma la scelleratezza dell’operazione effettuata”. Maurizio Seri, presidente di Lfi, risponde assicurando che “gli attuali amministratori, venuti a conoscenza dell’investimento hanno monitorato la situazione portando l’argomento in cda e successivamente in assemblea dei cosi, ottenendo nel novembre 2017 il mandato pieno richiesto per agire legalmente contro Mps nell’interesse della società e dei soci, provedimento già istaurato”.

Condividi l’articolo